… l’incomunicabilità del pensiero sub-empatico…

GLI OCCHI DEI POVERI

Ah, volete proprio sapere perché oggi vi odio?

Per me non sarà difficile spiegarvelo.

Ma certo per voi non sarà facile capirlo, perché siete, credo, il più bell’esempio di impermeabilità femminile che si possa incontrare.

Avevamo passato insieme un’intera giornata, che mi era parsa breve.

Ci eravamo promessi di avere in comune tutti i nostri pensieri, e che le nostre anime sarebbero state ormai un’anima sola:

un sogno che dopotutto non ha niente di originale, se non il fatto che pur essendo stato sognato da tutti non è stato realizzato da nessuno.

La sera, un po’ stanca, voleste sedervi all’angolo di un nuovo boulevard, davanti a un nuovo caffè ancora pieno di calcinacci, e che già mostrava la gloria dei suoi incompiuti splendori.

Il caffè scintillava. Perfino il gas vi esibiva tutto l’ardore di un debutto, e con tutte le sue forze rischiarava i muri di un biancore accecante, le abbaglianti superfici degli specchi, gli ori delle modanature e delle cornici, i paggi dalle guance paffute trascinati dai cani al guinzaglio, le dame che sorridevano al falcone appollaiato sul loro pugno, le ninfe e le dee con frutti, pasticci, cacciagione in capo, Ebe e Ganimede che porgono col braccio teso la piccola anfora per la «bavarese», o l’obelisco tricolore dei gelati mantecati…

tutta la storia e tutta la mitologia messe al servizio dell’ingordigia.

Proprio davanti a noi, sulla carreggiata, se ne stava impalato un brav’uomo sulla quarantina, la faccia stanca, la barba ingrigita, che teneva per mano un bambino e reggeva sull’altro braccio un esserino troppo debole per camminare.

Faceva da bambinaia, e portava i suoi figli, la sera, a prendere un po’ d’aria. Cenciosi tutti e tre.

Quei tre visi erano straordinariamente seri, e quei sei occhi contemplavano e fissavano il caffè nuovo con pari ammirazione, benché con diverse sfumature a seconda dell’età.

 

Gli occhi del padre dicevano: «Come è bello! Come è bello! Si direbbe che tutto l’oro della povera gente sia venuto a mettersi su questi muri».

Gli occhi del bambino: «Come è bello! Come è bello! Ma è una casa dove possono entrare solo quelli che non sono come noi».

Quanto agli occhi del più piccolo, erano troppo affascinati per esprimere qualcosa di diverso da una gioia profonda e ottusa.

Gli autori di canzoni dicono che il piacere rende l’anima buona e intenerisce il cuore.

Per quanto riguarda me, la canzone quella sera aveva ragione. Non solo ero intenerito da quella famiglia d’occhi, ma avevo un po’ vergogna dei nostri bicchieri e delle nostre caraffe, più grandi della nostra sete.

Giravo il mio sguardo verso il vostro, mio caro amore, per leggervi il mio stesso pensiero;

mi tuffavo nei vostri occhi così belli, così bizzarri e dolci, nei vostri occhi verdi, abitati dal capriccio e ispirati dalla Luna, quando mi diceste:

«Questa gente, con quegli occhi spalancati come portoni, mi è insopportabile! Non potreste chiedere al maître di allontanarli da qui?»…

Tanto difficile è capirsi, caro angelo mio!

E il pensiero è a tal punto incomunicabile, anche fra coloro che si amano!

Charles Baudelaire

Advertisements

About kojo7

the ART OF LIVING... "Who is master of the art of living makes little distinction between their work and their play, including his own labor and his leisure, between your mind and your body, your own study and recreation, his love and religion... almost, doesn't know what the two, simply pursues his ideal of excellence in everything he does, leaving others to decide whether he is working or is playing here at your eyes, in fact, he is always doing both..." "JUST TRY ME!" :p Music & dj-set INDIE_NEWWAVE_80's_ELECTROPOP/CLASH_ ROCK_PATCHANKA_FUNK_SKA_FOLK_ INSANETRASH_70's_60's_50’s_40’s_30's… and so on... "The UNCONVENTIONAL VINTAGE-NIGHT WITHOUT FILTER" http://www.wiple.it/kojo http://www.couchsurfing.org/people/nicolakojoferrarese/ http://www.facebook.com/nicola.ferrarese.kojo http://www.soundaymusic.com/profile/Kojo
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

One Response to … l’incomunicabilità del pensiero sub-empatico…

  1. Serere says:

    HAi mai letto "L\’ignoranza" di Milan Kundera? Parla esattamente di questo, di quanto la percezione delle cose cambi tra persone unite che vivono insieme le stesse esperienze….
     
    Associo impulsivamente a questo spleen una citazione da Efraim Medina Reyes:
    "C\’è un mistero fra gli amanti, qualcosa di duro e impenetrabile, un luccichio più antico del sole, un soffio intergalattico."

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s