Auto-Prodotto… at Night & Day

… ITALIA 1 Chef

 

Comment?!

Advertisements

About kojo7

the ART OF LIVING... "Who is master of the art of living makes little distinction between their work and their play, including his own labor and his leisure, between your mind and your body, your own study and recreation, his love and religion... almost, doesn't know what the two, simply pursues his ideal of excellence in everything he does, leaving others to decide whether he is working or is playing here at your eyes, in fact, he is always doing both..." "JUST TRY ME!" :p Music & dj-set INDIE_NEWWAVE_80's_ELECTROPOP/CLASH_ ROCK_PATCHANKA_FUNK_SKA_FOLK_ INSANETRASH_70's_60's_50’s_40’s_30's… and so on... "The UNCONVENTIONAL VINTAGE-NIGHT WITHOUT FILTER" http://www.wiple.it/kojo http://www.couchsurfing.org/people/nicolakojoferrarese/ http://www.facebook.com/nicola.ferrarese.kojo http://www.soundaymusic.com/profile/Kojo
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

One Response to Auto-Prodotto… at Night & Day

  1. Icarus says:

    Ciao,
    mi permetto di lasciarti l’inizio del mio romanzo, “La memoria al di là del mare” (di Devis Bellucci, Giraldi Editore). E tu magari dirai: “E chi se ne frega?”…
    E’ un modo come un altro per lasciarti qualcosa che per me è prezioso. In più non ci guadagno nulla, almeno in termini economici. Tutti i miei diritti d’autore saranno finalizzati a progetti di sostegno e sviluppo sociale, proprio perché questa storia è nata a San Paolo, in Brasile, ai bordi delle favelas, sotto gli aquiloni. Una nota: trattandosi di un piccolo editore, è ben difficile trovare il libro in libreria senza ordinarlo. Chi lo desidera lo può ordinare in ogni libreria o su http://www.ibs.it e arriva.
    Buona giornata!
    Devis
     
    A chiunque renda d’oro il proprio tempo riempiendo la terra d’immagini.
     
    «Perché la memoria?», mi chiedesti che eravamo affacciati sul Guadalquivir. Sembrava sfinito, una vena aperta trascorsa la vita. Avevamo ancora addosso il fiato di Cordoba, che sapeva di fontanelle come trecce di perle, e l’incenso fresco della Mesquita era fra le tue labbra coperte dal tramonto.
    Indugiammo a lungo, con gli spiragli di persiana che ci facevano astratti, nella stanza a mezzogiorno che dava sul patio. Saremmo andati presto, e la padrona della pensione ci salutò come fossimo suoi figli, con un bacio che mi lasciò la macchia.
    La fila delle orme, lungo la spiaggia di Guincho, era lo strascico d’una qualche vecchiaia. Il vento, quella mattina, rapiva le dune e scolpiva l’acqua a scacchiera. Mancava solo un pugno di legionari, accampati tra i promontori, ad assopirsi lungo i tuoi capelli nella notte, quand’erano una seconda pelle. Ecco, che svista fu costruire case di cenere e specchi, tralasciando i tempi del cuore…
     
    Forse non ricordi le città disciolte, come quanto rimane della povera Sagunto, trascorsi uomini, amori e guerre. Brillava di sole e calce, ferita nella polvere. Il caldo tropicale portava i versi degli animali da un mare non troppo distante, da una sottana vivida pirite come le onde di Favignana. Pensai che quel mare non si potesse attraversare, e scivolai accanto ad un fico d’India, che ridemmo come matti sotto quel cielo striato.
    Era lontano il Sud America, ma identica l’asprezza delle strade mangiate di ruggine, travolte da formicai giganti quanto vulcani. I campi dei “Sem terra” mi sembrarono epici nel dramma, come fuggiaschi d’un esercito o indiani delle praterie. I bambini nuotavano nel fiume, selvaggi ed impassibili quanto la natura sotto i piedi dei soldati. Io, guardandomi le mani, sentivo pace e colpa, e non capivo.
    Infine, ecco il sapore caldo della leggerezza, mentre disteso al sole, sopra il tetto, leggevo Montale o Garcia Marquez, e ci fissavo assonnati oltre il confine, come da un satellite. San Paolo era un grande fiore rosa, e noi… Due chicchi periferici fra un mondo d’aquiloni. Il nostro lo regalai, e rimandammo di farlo volare.
     
    Mi spostai di poco e vidi l’alta ombra della torre di Modena, con la sua piazza. Alle mie spalle m’aspettavi, e partimmo sotto i portici in un’afa più che nota. Pensai allora che era bello quando ci intristivano le stesse cose, come le librerie fuori mano, quelle in cui non entra mai nessuno[…]
     
    © Giraldi Editore 2007
    http://www.devisbellucci.it             contatto messenger e mail: icarus_sebi@hotmail.com
     
     
     

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s