“‘A Livella” – Antonio De Curtis, TOTO’ [serie “Opere Immortali”]

‘A LIVELLA
Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza; ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura: io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine, tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella, abbandunata, senza manco un fiore… pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ‘ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero, s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i ‘rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia, era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese,
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’ o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:

“Giovanotto! Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato di farvi seppellir, per mia vergogna, accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura,
la Vostra salma andava, si, inumata ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”

“Signor Marchese, nun è colpa mia, i’nun v’avesse fatto chistu tuorto
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria, i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo, obbj’… ‘nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé..- piglia sta violenza…
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato ‘e te senti, e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?…
… Muorto si’tu e muorto so’ pur’io,
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco!… Come ti permetti paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti, da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T’ ‘o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?… è una livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti… nun fa’ ‘o restivo,
suppuorteme vicino – che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo à morte!”

Antonio De Curtis, alias Totò

Posted in Uncategorized | 2 Comments

Discussione su “SILENZIARE ARROSSENDO”

Citazione da PATATRACK "In Direzione Ostinata e Contraria"

All’ospite prossimo venturo.

  "Dolcissimo amico mio,

…mi amareggia ciò che leggo questa sera. Mi amareggia vedere l’incomprensione farsi presunzione pesante e fastidiosa… mi disturba sentire nell’aria l’arrogante superficialità dell’approssimazione gravare sulla tua arguta onestà intellettiva… Tu sei la speranza del cielo, loro un dito grezzo che punta l’orizzonte. Io ho scelto per me la strada che ritenevo già mia prima ancora di iniziare il viaggio… Fermati un attimo e pensa. Non è la ragione che rende grandi, è l’evoluzione, la crescita, l’apprendimento. Imparare è un verbo maledetto, possiede più livelli semantici… rideranno della tua crescita perché non potranno afferrarti… Ma il senso, amico mio, deve suggerirtelo la tua stessa luce, l’angoscia che deriva dal vedere ciò che altri non vedono, la tenacia nel batterti affinché sia visibile anche al buio… Io ti chiedo formalmente di fermarti e pensare. Ti chiedo di riconsiderare il tuo percorso, di sceglierne altri se vuoi, ma di non mandare a puttane il cielo. Ci sono troppe dita grezze rivolte all’orizzonte, ma che ne sarà di loro se il cielo viene a mancare?…"

  P.s. per l’utenza: l’intervento è costruito attraverso la giustapposizione di immagini ed espressioni metaforiche. Tengo a precisare che, a dispetto di quanto sembri, in realtà nessuno medita il suicidio. Se un aborto volontario può essere rintracciato, riguarda l’auto-declassazione cronica di una persona che conosco, che stimo moltissimo, e che ingiustamente si auto-comprime, spenta dall’arrogante ignoranza di un paio di dita grezze.

Linkato dal post/blog PATATRACK

Posted in Uncategorized | Leave a comment

INFERNO: Esotermico o Endotermico? [… ah! i percorsi della fantasia in eruzione]

[Ecco il testo di una domanda "bonus" di chimica posta all’università di Nanterre. La risposta di uno studente è stata così strana che il Professore l’ha condivisa con i suoi colleghi, via Internet…]
Domanda bonus: "L’Inferno è esotermico o endotermico?"
(esotermico: emette calore – endotermico: assorbe calore)
La maggior parte degli studenti hanno risposto utilizzando la legge di Boyle (quando un gas si dilata la sua temperatura diminuisce e viceversa) o le sue varianti.
Al contrario uno studente ha risposto come segue: 
…”Prima di tutto dobbiamo conoscere come varia la massa dell’inferno col passare del tempo. Dobbiamo cioè sapere a quale ritmo le anime entrano e escono dall’inferno. Penso che possiamo assumere senza alcun rischio che le anime una volta entrate non ne usciranno più.
Dunque, per il calcolo del numero delle anime nell’inferno dobbiamo guardare il funzionamento delle differenti religioni
che esistono nel mondo oggi. La maggior parte delle religioni afferma che se non siete membri della loro religione andrete all’inferno. Dato che esiste più di una religione che esprime questa regola e dato che le persone non appartengono a più religioni contemporaneamente, possiamo dedurre
che tutte le anime andranno all’inferno.
Ora guardiamo la velocità con la quale cambia il volume dell’inferno perché la legge di Boyle specifica che "per mantenere costante la pressione e la temperatura all’inferno, questo si deve dilatare in m
odo proporzionale all’entrata delle anime".
È possibili quindi fare due ipotesi:
a) Se l’inferno si dilata a una velocità minore rispetto all’entrata delle anime allora la temperatura e la pressione aumenteranno  indefinitamente fino all’esplosione dell’inferno stesso.
b) Se l’inferno si dilata a una velocità superiore rispetto alla velocità con la quale le anime entrano, allora la temperatura diminuirà fino al totale congelamento. 
Quale scegliere?
Se accettiamo il postulato della mia compagna di corso Jessica durante il primo anno di studi "Farà freddo all’inferno prima che io faccia sesso con te!" e tenendo conto del fatto che ho fatto sesso con lei la notte scorsa, allora la seconda ipotesi deve essere vera. Così io sono sicuro che l’inferno è esotermico ed è già gelido. Il corollario di questa teoria è che siccome l’inferno è già gelato, ne consegue che non accetta più anime e quindi cessa di esistere. lasciando così solo il paradiso e provando l’esistenza di un Essere Divino che spiega perché, la notte scorsa, Jessica non la smetteva di gridare "Ohhh, mio Dio!"
[Questo studente è il solo ad aver ricevuto un voto di 30/30]

Posted in Uncategorized | 4 Comments

N O V E C E N T O: Poesia in musica… e l’incontrario

"…. ora tu pensa: un pianoforte. I tasti iniziano. I tasti finiscono. Tu sai che sono 88, su questo nessuno puo’ fregarti. Non sono infiniti, loro. Tu sei infinito, e dentro quei tasti, infinita e’ la musica che puoi suonare. Loro sono 88, tu sei infinito. Questo a me piace. Questo lo si puo’ vivere. Ma se tu, ma se io salgo su quella scaletta, e davanti a me si srotola una tastiera di milioni di tasti, milioni e miliardi di tasti, che non finiscono mai, e questa e’ la verita’, che non finiscono mai e quella tastiera e’ infinita… Se quella tastiera e’ infinita, allora su quella tastiera non c’e’ musica che puoi suonare. Tu sei seduto sul seggiolino sbagliato… La terra, quella e’ una nave troppo grande per me. E’ un viaggio troppo lungo. E’ una donna troppo bella. E’ un profumo troppo forte. E’ una musica che non so suonare. Perdonatemi, ma io non scendero’. Lasciatemi tornare indietro, per favore. 

…. negli occhi di qualcuno, nelle parole di qualcuno, lui, quell’aria, l’aveva respirata davvero. Il mondo, magari, non l’aveva visto mai. Ma erano ventisette anni che il mondo passava su quella nave: ed erano ventisette anni che lui, su quella nave, lo spiava. E gli rubava l’anima.
In questo era un genio, niente da dire. Sapeva ascoltare. E sapeva leggere. Non i libri, quelli son buoni tutti, sapeva leggere la gente. I segni che la gente si porta addosso: posti, rumori, odori, la loro terra, la loro storia… Tutta scritta, addosso. Lui leggeva, e con cura infinita, catalogava, sistemava, ordinava…

…. negli occhi della gente si vede quello che vedranno, non quello che hanno visto. Così, diceva: quello che vedranno…

…. andavo di fantasia, e di ricordi, è quello che ti rimane da fare, alle volte, per salvarti, non c’è più nient’altro. Un trucco da poveri, ma funziona sempre…"

Tra i pochi libri che il grande schermo è riuscito a fotografare integralmente… ogni parola, ogni suono… sottopelle ed intimo in ogni dove…

Fenomenale Alessandro Baricco… Bravo G. Tornatore…

… trattasi di una rarità: indifferente leggere prima il libro o vedere successivamente il film e l’incontrario… il risultato è identico… la musica riecheggia leggendo (magari a voce alta), la poesia ti avvolge dentro attraverso gli occhi…

Posted in Uncategorized | 1 Comment

J U N O… tra i capolavori più recenti!

Il film è semplicemente stupendo: ben diretto, ben recitato, con una splendida colonna sonora e, soprattutto, molto ben scritto. L’autrice, come noto, è Diablo Cody, ex spogliarellista ora diventata sceneggiatrice di successo, premiata con l’Oscar proprio per Juno.

L’argomento delicato della gravidanza precoce viene qui trattato con un’ironia, una sensibilità e una leggerezza splendide, senza mai cadere nei facili moralismi. Checché ne dica Giuliano Ferrara, che non ha perso l’occasione per fare di questo film una bandiera antiabortista. Se volessimo trarre insegnamenti morali, dovremmo anche ricordarci che Juno a un certo punto elenca fra i possibili genitori adottivi anche "una coppia di lesbiche". Per godersi questo film fino in fondo è meglio però recarsi al cinema scevri dei propri convincimenti in materia e seguire Juno nel suo personalissimo percorso.

Recitazione della giovane Ellen Page, assolutamente perfetta nella parte.

By Roberto Ragone – IL REGNO DEL REROSSO

Juno
Il regno del ReRosso – giovedì 15 maggio 2008

Posted in Uncategorized | 2 Comments

GLI OCCHI DELLA NOTTE… e la loro libertà ridimensionata…

… occhi che nella notte osservano in modo parallelo ma con verso contrario… 

occhi socchiusi quel tanto che basta per il crear da sè dal buio un barlume di visione… colori dapprima con impercettibili sfumature, poi con contorni marcati che creano figure su figure, mescolando ripetutamente realtà e immaginazione…

tutto ciò su un letto che talvolta pesa tanto da trattenere, altre dove la sua leggerezza è SPINTA verso quel viaggio in un mondo…

tutt’intorno, conscio che tutto ciò che di giorno è passivamente illuminato è difatto spento…

tutt’intorno, conscio che tutti coloro che brillano di luce propria escon allo scoperto solo per chi ha quel determinato sguardo…

le paure fan parte del giorno, di quando ci si scontra con il passivo, con la finzione… (difficile da smascherare), le paure di notte son coperte da quel lenzuolo che le soffoca…

il silenzio della notte dà tutte le risposte alle innumerevoli domande che ci poniamo sino ad un attimo prima di abbandonarci al sonno, alle preoccupazioni che ci attanagliano… risposte semplici che all’indomani svaniscono non appena quel lenzuolo libera nuovamente quelle paure…

paure che come piombo ci atterrano privandoci persino "dell’illusione del volo"…

paure che trovano conforto, di giorno, nell’osservar tutt’intorno nell’altra gente le stesse paure il cui piombo costringe tutti sullo stesso piano…

in tale visione il cuore passa dal brio del lento tamburellare notturno, al mosso dell’angoscia giornaliera che il riflesso delle altrui paure amplifica…

dunque, stolti… l’irrequietezza ora ha un senso?!

occorre non disfare quel letto… lasciar che quel lenzuolo, anche di giorno, soffochi quelle paure…

i colpi della vita saranno semplici ostacoli… mai insuperabili

nihil est quid fieri non possit!

nell’attesa, nel perenne tentare, il giorno lascia spazio alla notte ancora una volta…

il piombo perderà la sua pesantezza… di notte in giorno… diventerà evolverà sfumerà… piombo… iombo… pimbo… piobo… ombo… pimo… mo… o… … … 

dall’alto verso il basso…

Nicola F. alias kojo

P.S. Parole su letto di musica tra le note "Qualcuno era…" di Giorgio Gaber

(to fantasmina)

Posted in Uncategorized | 6 Comments

Omaggio all’immensa chanteuse realiste “EDITH PIAF”…

"Un Arcobaleno in Gola"

la versione originale ed il trailer del film biografia

per i curiosi un link alla biografia di Edith Piaf

Posted in Uncategorized | 1 Comment

Alla Ricerca della Felicità… senza fretta… fuggi via!

O D E   A L L A   V I T A

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marcia, chi non rischia e cambia il colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su  bianco e i puntini sulle “i” piuttosto che un insieme di emozioni… proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all’errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l’incertezza per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di sfuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso.

Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia aiutare, chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.

Soltanto l’ardente passione porterà al raggiungimento di una splendida felicità.

Pablo Neruda

P.S. Da assaporare su letto di note de’ Timoria "LA FUGA" e V. Capossela "STANCO E PERDUTO"

Posted in Uncategorized | 1 Comment

Omaggio a CHARLIE CHAPLIN… la cui arte rimarrà indelebile nella memoria del tempo

" Ti criticheranno sempre, parleranno male di te

e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa andare bene come sei…

quindi vivi come credi, fai quello che ti dice il cuore…

la vita è un’opera di teatro che non ha prove iniziali…

canta, ridi, balla, ama…

e vivi intensamente ogni momento della tua vita

prima che cali il sipario e l’opera finisca senza applausi…"

Charlie Chaplin

  Official site of Charlie Chaplin

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Omaggio all’immenso MASSIMO TROISI…

O_s_s_a_j_e   Comm    fa   o’   C_o_r_e …

“Ossaje comm fa o’ core…” così recita una splendida poesia di Massimo Troisi ,poi canzone di Pino Daniele… pensate a quanto sia straordinaria la vita quando decide di regalarci un’opera d’arte… l’animo di Massimo con la voce e la chitarra di Pino (il riassunto della napoletanità)…

"ossaje comm fa o’ core… quante volte ognuno di noi si è fatto questa domanda… quante volte la razionalità della vita ci porta a chiudere la porta del cuore… quante altre ci vediamo dentro come se stessimo ammirando l’ultimo “capo di grido” in una vetrina… e proprio come allora lasciamo a quei momenti solo pochi istanti per poi lasciarci tutto alle spalle per ritornare a correre nella “gara” della vita…

Io ora vivo “al contrario…” per me quella vetrina è il fulcro della mia esistenza… La mia “vetrina” è il centro del mio “potere”… dove si vive e si decide tutto… ma visto che di vetrina si tratta… bisogna comunque “apparire…” nascondere tutte le vicissitudini, problematiche e sacrifici nascosti dietro ogni vetrina di qualsiasi attività, e organizzare la parte che interagisce con il “pubblico“ nel miglior modo possibile… scintillante… splendente… “vincente”… già, vincente… il problema è che spesso l’immagine di vincente che ereditiamo dalla società non soddisfa… a quel punto pensiamo: perché non riesco a trovare la felicità dove la trovano tutti…? Forse il vero motivo è che “tutti” più di pensare ad essere felici ed a vivere per se stessi, si preoccupano di dare agli altri un’immagine “vincente”… non conta, dunque, come ci si sente per davvero… l’importante è far credere agli altri di stare bene… e così ogni motivo banale è fonte di sorrisi, buonumore e felicità…

fino a quando ci ritroviamo da soli…e lì non ci è più permesso d’ingannarci…

Massimo Troisi

Posted in Uncategorized | 1 Comment